Il Polo di innovazione Umbro MAteriali Speciali e micro-nano tecnologie

Diventare grandi pensando piccolo

Il Polo d’Innovazione PUMAS è una aggregazione di imprese, start up innovatrici, piccole, medie e grandi imprese e organismi di ricerca attivi nei settori della chimica, dell’edilizia, della ricerca e della formazione destinati a stimolare l’attività innovativa incoraggiando l’interazione intensiva, l’uso in comune di installazioni e contribuendo alla condivisione e alla messa in rete di conoscenze e tecnologie.

Quattro Enti di Ricerca – cinquanta soci –  oltre duemila addetti –  settecento milioni di euro di fatturato totale dei quali oltre sei milioni di euro per la ricerca e sviluppo – più di mille brevetti

.

.

.
.
.
.
.

SPRING_logo

Cluster Tecnologico SPRING (CHIMICA VERDE)

Il P.U.MA.S. ha aderito fin da principio al Cluster Tecnologico Nazionale della “Chimica Verde” denominatoSPRING – Sustainable Processes and Resources for Innovation and National Growth. In Umbria oltre al Polo d’Innovazione anche la Regione, l’Università degli Studi di Perugia, la Confindustria Umbria ed alcune significative aziende del settore hanno fatto altrettanto.

Tale Cluster nasce per iniziativa di Novamont, Versalis e Biochemtex, tre realtà industriali che si sono distinte negli ultimi anni per lo sviluppo di tecnologie e processi fortemente innovativi e per la messa a punto di materiali e prodotti da fonti rinnovabili, e di Federchimica, che rappresenta l’intera industria chimica italiana e la sua vocazione alla sostenibilità.


US_logo_01

UMBRIA SPRING
Bioeconomia e promozione di una nuova catena del valore:
agricoltura, chimica, recupero e valorizzazione dei rifiuti, ricerca ed integrazione delle filiere produttive.
Insieme per una crescita sostenibile

Per tradurre operativamente gli obiettivi strategici del cluster nazionale i soggetti umbri partecipanti al Cluster – Regione, Università di Perugia, Confindustria Umbria, Polo di Innovazione P.U.MA.S. e aziende – si sono riuniti in UMBRIA SPRING e si sono attivati per:

  • creare nuove filiere locali, potenziare quelle esistenti e canalizzare risorse e attività verso obiettivi comuni
  • contribuire alla definizione di Politiche regionali di sostegno alla Ricerca che diano priorità alla chimica verde e alla manifattura sostenibile;
  • interagire con gli altri Cluster (AGRIFOOD) presenti sul territorio per sviluppare attività condivise e trasversali

 

 regione